Sono già passati tre giorni. Per una volta volevo essere puntuale, ma non ci sono riuscita. Va beh ciò che conta, infondo, è il pensiero.

Il 4 gennaio abbiamo festeggiato il tuo primo compleanno. Ho ricordato come sei nata, in quella domenica fredda e limpida… Come Siamo nate. Tu sei uscita dal mio ventre piangendo, dal buio alla luce, da dentro a fuori. Il tuo pianto di paura per tutti quei rumori, quelle persone sconosciute intorno che ti toccavano, pesavano, misuravano.
E tu volevi solo Me.
Ed io, piangendo, volevo solo Te. Non ho mai desiderato tanto come in quel momento, poterti toccare e stringere, finalmente vicina al mio petto.
Con te sono nata anche io. Tu sei nata come figlia ed io come madre.

Con te sto crescendo anche io.

Con te imparo la lentezza dei piccoli progressi e la frenesia della scoperta, quando tutto è stupore e luce negli occhi e sorrisi sulle labbra.

Con te imparo che il tempo e lo spazio sembrano dilatarsi in un non-tempo e non-spazio e poi improvvisamente è già passato un anno come in un soffio di candelina.
Qualche giorno fa hai cominciato a fare le prove.. Fiuuu sul mio capezzolo, fiuuuu su un pezzo delle costruzioni (che non sai ancora usare), fiuuuu sulla carta che poi ti metti in bocca in un lampo. Come se sapessi, che si stava avvicinando un giorno importante.
Poi però sulla candelina non c’hai soffiato .. 🙂

Con te mi ritrovo a ridere a crepapelle perché facciamo finta che ti puzzino i piedini, io ti faccio odorare i calzini e poi tu lo fai con me…. E giù risate!
Ti metti le mani sulla testa come quando ci si dispera, ti manca solo
la parola per dire: oddio!
Lo fai guardandomi e aspettando che sia io ad imitarti.
E poi scorrazzi per casa gattonando con una gamba alzata e fai il girotondo seduta.
Ti piacciono già Doraemon (che è il mio cartone preferito) e Masha e Orso.
E la tetta è la tua migliore amica.

E allora buon primo compleanno a Te amore mio dolce. Per me sarai sempre la piccola Koala che mi porto addosso.

Annalisa L.

Annunci