Capisci di essere una mamma esaurita quando:
Non ti fai una doccia da una settimana (puoi solo permetterti il famoso lavaggio “a pezzi”)

Esci in versione: “desperate housewife” (Che significa: tuta bucata, pattine e maglia dismessa della zia che fa vergogna anche starci in casa, però sotto la giacca almeno lo sai solo tu), per un salto veloce al supermercato nell’ora in cui speri di non incontrare nessun conoscente e immancabilmente ti fermano almeno 5 persone.

Sogni di dormire 4 ore di fila. Possibilmente di più.

Vai a letto con una tetta di fuori per far addormentare tua figlia, poi ti addormenti tu e lei continua a servirsi. Quando finalmente si addormenta, tu sei svenuta e la tetta rimane all’agghiaccio notturno.

Quando acquisti una posizione per dormire e non puoi muoverti per non svegliarla. E al mattino sei più stanca di quando sei andata a letto.

Quando rientri e tua figlia non ti guarda in faccia, non ti saluta ma indica le tue tette.

Quando ti basta anche scendere le scale ed andare in cantina per cambiare aria e far respirare il cervello.

Quando puoi permetterti un’ora fuori e vorresti scappare per un last minute (anche a Canicattì andrebbe bene).

Quando con le tue amiche parli solo di tua figlia. (E loro, dei loro).

Quando il tuo principale svago diventa fare le faccende e rassettare la casa.

Quando il sesso è un lontano ricordo. O al massimo ti è concesso qualche sogno erotico.

La maternità è sicuramente un’esperienza meravigliosa, per chi la desidera ovvio. È una cosa che non bastano le parole esistenti in tutte le lingue del mondo per descriverla… E si sa… Ci sono anche parole “negative”, momenti di stress, stanchezza, brutti pensieri (che poi fortunatamente nel mio caso spariscono subito), fatiche quotidiane, bisogno di comunicare e di essere capita. Bisogno di riappropriarti di te, dopo esserti donata completamente ad una creatura bisognosa di tutte le tue attenzioni…(ma anche solo pensarlo ti fa sentire in colpa..)

Allora la maternità ti appare in tutto il suo reale significato. E non è una passeggiata. È un viaggio lungo dentro di sè e dentro la coppia insieme ad un essere umano che il vostro amore ha creato e che sarà sempre parte della vostra vita.

Annalisa L. 

Annunci