meandmiaOggi mi è capitato di scrivere un post sul mio blog personale The Italian Wife in cui rido al solito delle mie sfighe in terra straniera, parto compreso. La sintesi del post è che ho sperato di poter superare la mia ipocondria e ansia abbracciando l’approccio super naturale al parto dell’NHS, il sistema sanitario inglese, che ho sempre apprezzato rispetto ai metodi interventisti italiani che mi raccontano amiche e sorelle rimaste in patria. Poi, dopo 4 giorni di travaglio e dopo aver preso la qualunque, dal paracetamolo, alla morfina, all’epidurale, sono finita in sala operatoria in anestesia totale per un cesareo di emergenza. Qualcuno che non mi conosce e ha letto il post mi ha chiamato “terrorista, peggio di quelle che raccontano dei loro parti drammatici alle primipare”. Quindi volevo aggiungere qualcosa.

– che quando ho rivisto le mie colleghe del corso pre-parto ognuna di loro credeva di avere vissuto l’esperienza più traumatica delle altre. Persino quella che aveva partorito nel parcheggio dell’ospedale perché non si era accorta delle contrazioni. Perché è un evento così potente che non può che sconvolgerti.

– che anche a me, primipara, mi hanno raccontato delle storie di merda. Ma di merda per davvero. Io, se non mi sbaglio, non ho mai fatto riferimento al dolore. Solo alla sfiga.

– che ogni parto, vissuto o raccontato, è un parto a sé. Con solo due cose in comune: l’imprevedibilità e la gioia di aver fatto la cosa più grande che si possa fare.

– che c’è una sorta di tabu per il quale non si può scrivere di parto perché fa male. Eggià fa male, ma dicono che le coliche renali facciano anche più male. E quindi che facciamo? Non scrivete di coliche renali allora che mi incazzo.

– che quando dicono che il dolore si dimentica dicono delle cazzate.

– che il fine del post non era il racconto del mio parto perché altrimenti non avrei tralasciato dei particolari fondamentali. Ovvero che a 6 ore dal cesareo ero in piedi, sotto la doccia, senza bende. Che la ferita non mi ha mai fatto male.  E che mentre mi portavano in sala operatoria il mio compagno mi ha detto per la prima volta ti amo.

Daria Simeone

The Italian Wife

Annunci