CHIUSO PER FERIENon potete immaginare la gioia di mio marito quando gli ho comunicato la mia decisione: due mesi di libertà, mentale e fisica, dal pensiero ossessivo del concepimento ad ogni costo!

Penserete che la mia sia una saggia decisione, pensata e ponderata, derivante da un barlume di saggezza che ancora illumina la mia offuscata testolina … invece no! La motivazione è semplice, banale e stupida: non voglio che mio figlio o mia figlia nasca a dicembre o gennaio. Sono mesi freddi, bui, nevosi … ricchi di feste, mangiate e riunioni familiari che, per quanto lunghe e stancanti sono a mio avviso magiche e irrinunciabili! Per questo voglio evitare, evitare di passare questi giorni in ospedale o addirittura in sala parto, perché sicuramente io partorirei il 24 o il 25 dicembre oppure il 31 notte!

Quindi decisione presa: a marzo e aprile non se ne parla, nessun pensiero, nessun calcolo, nessun sintomo, niente di niente….

Poi un giorno mi sono detta: “Facciamo due calcoli su internet per vedere quando nascerebbe!” … E BAM! ho scoperto che, se fossi rimasta incinta a marzo il bambolotto nascerebbe intorno al 10 dicembre e se ci rimanessi ad aprile saremmo verso il 5 gennaio …

“Beh, il 10 dicembre non è mica Natale, no? Anzi sai che bello sarebbe il Natale con il piccolino?”

“Il 5 gennaio, quello sì che potrebbe essere a “rischio capodanno”, ma in fondo non ho sempre detto che è una sera come le altre e che non mi piace festeggiarlo?”

“Il freddo e il buio? Dai, quelli si superano coprendosi bene e aspettando una bella giornata di sole …”

Quindi siamo a posto, neanche un mese e ho già cambiato idea, ferie rimandate, anzi annullate, per il momento si lavora!! Marzo ormai è andato … e devo dire che mio marito non l’ha presa molto bene!

Manca aprile … chi glielo dice?!?!?

 

Arianna N.

Annunci