foto (12)A quelle madri che con gli occhi a cuore ti dicono che amano la fase bebè da cullare e poppare e che ci tornerebbero mille volte, perché ora hanno la schiena a pezzi e sono costrette a ripetere 100 volte la stessa filastrocca, io dico: W il mal di schiena!!!
Perché è troppo bello conoscerle davvero, queste personcine. Scoprire giorno dopo giorno il carattere, che un attimo è in perfetta sintonia col tuo e due secondi dopo ti sta proprio antipatico. Si perché la personcina in questione, tuo figlio, che è amore puro e incondizionato, ha comunque le sue peculiarità e a volte lo adori (assomiglia a me!) a volte lo sgridi ridendo ( uguale al padre) altre volte lui è il grande, serio serio e sguardo severo e tu sei il piccolo ridi perché la fiorentina fa gol il padre esulta e lui è terrorizzato e non capisce cosa ci sia da ridere..ma adesso, se gli parli, se lo conosci.. Funziona. Si calma. Ritrova  nei giochi che gli proponi, nelle cose che SAI che gli piacciono, e in te che lo rassicuri, le sue certezze. E questo per me è bellissimo.

Ha dieci mesi compiuti la personcina, mamma e babbo fanno piani per il futuro e sono presi da mille impegni, ma lui partecipa e condivide tutto con noi, semplicemente perché LUI fa parte di NOI. E quello che vede e che vive lo fa già un po’ a modo suo, ed osservarlo è fantastico. I primi sei mesi sono l’ode al tempo sfumato… in preda ad ormoni impazziti e tette spesso al vento manca completamente la prospettiva, il senso del movimento, del trascorrere del tempo..pensi che sarà semplicemente sempre così.

Passati i 6, e lo scoglio delle pappe ( che per mio figlio direi è stato più uno scivolo nel magico mondo dei sapori) improvvisamente si mette le quinta e allora capisci cosa vuol dire quando ti dicevano “goditelo, passa così in fretta!” ( e io pensavo sempre..speriamo!) Niente come un figlio -non più neonato- ti tiene ancorato al presente,certo, ma ti proietta verso il futuro con un’energia, e un vigore per procedere a passo svelto, ben disteso, ma soprattutto senza cedere alla fatica..proprio io che sono sempre stata una malinconica di natura adesso con molta facilità  mi lascio il passato alle spalle, perché la personcina è tutta nuova e da scoprire e quello che era prima di lui era… Beh sì, era PRIMA.   Non ho amato molto le sveglie e le poppate ogni 2 ore, gli sbalzi ormonali e le crisi d’identità ( non sarò mai più io…quella di prima) forse dipende da questo. Ma gli 0-6 mesi non sono i più belli, non sono i più teneri, e come canta qualcuno, sono sicura, il meglio deve ancora venire.

Valentina C.

Annunci